Oggi le tragi-comiche: aggredito per controlli troppo scrupolosi


    Sordi ci ha fatto un film (Il vigile) negli anni ‘70, disegnando con vari colori un lavoratore scrupoloso.  E’ quello che (esplicitamente) viene insegnato dalle elementari ai dottorati di ricerca: “Sii scrupoloso, non fare errori !”, è quello che viene dichiarato (a parole) in ogni contesto ufficiale.  La prassi poi sappiamo bene cos’è: a parole si comanda una cosa, con l’esempio molto più pragmaticamente se ne insegna (o se ne impone) un’altra.  Il personaggio complementare al lavoratore scrupoloso era il capetto di turno che non tollera che i suoi “dipendenti” (incaricati proprio di controllare!), controllino lui stesso. Questo personaggio è immortale; anzi in Italia è un’istituzione, fa parte del carattere nazionale.

     Un esempio è la vicenda di una parte della CRI contro Lo Zito che, secondo l’On. Turco, lo ha attaccato perché colpevole di un “eccesso di controlli” : siamo certi che nei doveri di un Sottufficiale CRI sia esplicitamente scritto e ordinato sia di controllare scrupolosamente ogni attività, sia di “non eseguire un ordine la cui esecuzione è manifestamente reato” : insomma non ci vuole Einstein per capire nella P.A. che certi appalti e acquisti sono irregolari.    Guai a dirlo però; “il Re è nudo” ma non si dice.   Intanto il bambino-Lo Zito lo ha detto ed ora grazie soprattutto al PDM ma per primo alla sua determinazione, sta smontando il castello.

Il Vigile - Lo Zito

“ CROCE ROSSA: TURCO (PD), A M. LETTA DAVA FASTIDIO LO ZITO PERCHE’ "LAVORAVA TROPPO"

Scritto da  Monica Cataldo

(AGENPARL) – Roma, 26 mag – Irregolarità amministrativo-contabili sono quelle denunciate dal maresciallo Vincenzo Lo Zito, dipendente Cri ormai da tempo. A compierle sarebbe stata la Presidente della Croce Rossa Abruzzo, Maria Teresa Letta, sorella di Gianni, la quale ha anche provveduto al II Trasferimento per incompatibilità ambientale dello stesso maresciallo Lo Zito.

"Noi avevamo già presentato delle interrogazioni in merito – dichiara all’AgenParl il deputato Pd, Maurizio Turco – Secondo il punto di vista della Letta il maresciallo sarebbe stato ‘imputato’ per un eccesso di controlli". Insomma, per Maria Teresa Letta il maresciallo Lo Zito non avrebbe diritto a fare tutti questi controlli, e quindi "l’hanno trasferito, defraudato dello stipendio da parte del Commissario straordinario della Cri, Francesco Rocca gli ha tolto anche lo stipendio".

Maurizio Turco ci spiega che le diverse interrogazioni presentate non hanno portato a nessun risultato, nessuno ha mai risposto. "Quindi ho preso quelle interrogazioni e le ho portate al magistrato – racconta Maurizio Turco – Il maresciallo Lo Zito, da parte sua, ha fatto causa. Per cui adesso immagino che la questione della signora Letta, su cui il magistrato ha deciso di indagare, si congiungerà con le indagini che la Procura di Roma ha avviato dopo le mie interrogazioni".

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: