Incontro-contatto col Maestro Roberto “Freak” Antoni !


        Per una fortunata coincidenza il 12 ho saputo che gli Skiantos avrebbero suonato a Roma (dove vivo) proprio il giorno dopo: ovviamente all’apertura ero già lì col biglietto prenotato.  Ho spiegato prima ad Alessandra Mostacci (1) della trascrizione delle 5 puntate di Storyville, quindi ho bussato al camerino incontrando finalmente Roberto “Freak” Antoni !! Gli ho detto che non solo avevo ritrovato le puntate (e lui “Ah, non si sono perse !?”😉 ;-)   , ma che le avevo anche trascritte; forse sperava veramente che la cosa fosse dimenticata o persa.  Ha ripetuto “Siamo di nicchia, di nicchietta” e altre cose dal suo impagabile repertorio,  dal suo… bagagliaio.             Freak Antoni Roma 13 Ott 2011

(Roberto Freak Antoni a Roma 13/10/2011 all’Alpheus)

      Hanno proposto: Io sono uno Skianto, poi (non in questo ordine) Testa di pazzo, Tu tremi, Merda d’artista (dell’album 2009), Eptadone , una bellissima versione di Karabigniere bluesKakkole, Sono un ribelle mamma (commovente !), Io ti amo da matti (Sesso e karnazza), Mi piaccion le sbarbine, Kinotto (credo), Italiano terrone che amo (al grido di “siamo tutti terroni rispetto a qualche altro”), e forse altre che non ricordo; il massimo per me è stato Largo all’avanguardia: sentire un cantante che ti canta “…pubblico di merda” non è da tutti i giorni, non ha prezzo ;-)  ;-) 😉

     Antoni nel 2009 cantava che era da una vita che cercava di non lavorare (“Una vita spesa a skivar la fresa”) e c’è riuscito, ma proprio mentre ero nel camerino aveva qualcosa da fare per la serata, quindi sono uscito dopo 10’ abbracciandolo, avendo avuto così l’opportunità e il piacere di parlarci, 2 giorni dopo aver completato la trascrizione della sua auto-audio-biografia.      Poi ho avuto anche l’onore di una dedica più formale, proprio di quelle da ammiratori adolescenti, che gli ho chiesto di scrivere sull’interno del CD “Dio ci deve delle spiegazioni” (2).

Freak Antoni dedica 300-2-rid65

 

(1) Pianista, che con Antoni ha realizzato “Ironikontemporaneo

(1) Che come altri avevo portato perchè regalavano una spilla a chi portava il CD, ma le spille erano finite.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: