L’italiano medio, gli autovelox e MyCoyote – concorso a premi


 

   Dopo un tempo variabile dai 2 ai 6 minuti e 40” (media 3’ 12”) da quando  l’italiano medio ha pianto “sinceramente” per le immagini tv dell’ennesimo incidente provocato da un idiota, egli si … “dimentica” tutto.  Tutte le norme stradali diventano inutili, vessatorie, sciocche; tutti gli autovelox(1) sono installati da pazzoidi, da criminali, da cricche composte da ditte e comuni che lucrano sulle multe (mai nessuno che entra nel merito “andavo a 180 Km/h si o no ?”)  .   L’italiano medio si sente autorizzato ad interpretarle lui le norme.

incidente stradale Coyote autovelox

     Secondo lo spirito dell’italiano medio, quello che dalla mattina alla sera grida che “è tutta colpa della casta !!”, milioni si sono organizzati (con la complicità delle società che vendono i GPS) a creare una mappa degli autovelox, grazie alla quale l’automobilista (che secondo l’italiano medio e quelle società rispetta sempre le Leggi) avrebbe questo comportamento:

-  mettiamo che in una autostrada larga dritta e a 3 corsie, di giorno e senza pioggia né traffico, egli viaggi a 125 Km/h (limite massimo 130 Km/h) .   Il GPS (o il MyCoyote) gli segnalano che si sta avvicinando ad un autovelox : cosa fa in concreto l’italiano medio ?  A cosa gli serve quell’informazione ?

  In altre parole: a chi già rispetta il Codice della strada, a cosa servono le mappe autovelox regalate dalle società di GPS, o il MyCoyote ?  Pur sapendo che nell’arrampicarsi sugli specchi molti sono abilissimi (come nel fingere tristezza dopo gli incidenti), mettiamo in palio 1 milione di euro (€ 1.000.000,00 ) a chi ci segnala uno scopo legale, concreto ed effettivamente utile ad un automobilista che già rispetta il Codice della strada, di quegli apparecchi.

(1) Ci si riferisce SOLO a quelli tarati precisamente, secondo Legge.

1 Commento (+aggiungi il tuo?)

  1. Schiatti Giordano
    Ago 15, 2015 @ 20:21:51

    Sono incappato in un articolo in cui lo scrivente “domanda” a cosa serve il Coyote se si rispetta la legge. Risposta: ad arginare la falsità delle amministrazioni locali che collocano accuratamente i loro autovelox ( gestiti da terzi) nei punti in cui sono assolutamente sicuri di fare cassa, quando non abbassano i limiti ad arte nel tratto che interessa. Per la cronaca ho la patente da 45 anni, incidenti zero, multe tante.
    Magari per 10 km in più.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: