prima di dire che una terapia funziona, chiedilo al cliente

 

When you look at the data, they are, by and large, disappointing. There typically is a 25%-30% drop in symptoms, maybe slightly better than what we find when we give people placebo pills.

The question is: Are our patients really getting better, or do they just meet the statistical cutoff for improvement? Until your patient says to you, «It’s over and I feel fully alive now» and is joyously engaged in the present, nobody should claim victory.  ”

(B. van der Kolk, L. M. Najavits, 2013)

Italiani più ignoranti e arretrati

Come sei caduta in basso Italia… da patria del rinascimento, e terra che ha dato i natali a grandi scienziati, ti sei trasformata nella capitale europea dei bifolchi che attaccano la ricerca per partito preso. In tutta Europa 711307 firme contro la ricerca su animali, la stragrande maggioranza ossia ben 443143 firme [66%], provenienti dal nostro paese che già ultimamente era apparso spesso sulle testate scientifiche internazionali per episodi tanto eclatanti quanto disdicevoli come il caso Green Hill, e l’attacco ai centri di ricerca dell’università di Milano, dove sono andati distrutti anni e anni di studi sul morbo di Parkinson e sull’autismo.
NB  Le percentuali e i valori a destra dello slash dipendono dai target fissati arbitrariamente per la campagna online di raccolta firme in quel determinato paese… Guardate il numero totale di firme a sinistra.  [A. F.]

La repvbblica delle Banane perde 1 miliardo al mese perché non usa tecnologie digitali, gratuite

            Ecco la pubblica amministrazione, ecco i ministeri, ecco i ministri, ecco i politici, i partiti, ecco “lo Stato”, ecco la Repvbblica ItaGliana: se rispettasse il programma UE usando le tecnologie digitali, risparmierebbero 1 miliardo al mese (calcoli del Politecnico di Milano – La Stampa). 

Il bello è che le tecnologie sono GIA’ disponibili, e gratis .       

la competenza di un ricercatore contro quella di un animalaro

ricercatore VS animalaTO

Immagine

A che serve la ricerca medica e la sperimentazione animale ?

thanks to animal research they'll be able to protest 20,8 year longer

Immagine

“La scienza è divisa” : le finte controversie

Non solo circa OGM, sperimentazione animale, vaccini, staminali, e cancro, ma per mille altri argomenti, SOLO I NON SCIENZIATI parlano di “controversie” che letteralmente non esistono.  Sono le fintoversie, di cui scrive magistralmente Salvo Di Grazia su MedBunker.   Si inizia  a raccontare di dibattiti che invece non esistono, allo scopo di vendere qualcosa con mezzi scorretti, disonesti e nocivi.

Centinaia di scienziati manifestano a difesa della ricerca

Comunicato Stampa: Centinaia di scienziati manifestano a difesa della ricerca (Roma 8/6/2013).

Qui Pro-Test, tutta l’organizzazione.

Cosa è successo davvero a Milano

Cosa è successo davvero a Milano.

Il complotto degli scienziati contro la ggente

(da Glossario neologistico – per marmaglie scientiste, di Giovanni Perini)

Catottròbata: n.inv. [gr. KÁTOPTRON = specchio e BÁINO = io vado] Colui ch’è uso all’arrampicarsi sugli specchi – Catottrobazìa: s.f. l’atto dell’arrampicarsi su uno specchio Catottrobàtico: la proprietà di tutto ciò che è catottrobazia – Per difendere il suo favorito pescefragola, non esitò a lanciarsi in ardite catrottobazìe; più che ragionamento, mi parve futile esercizio catottrobatico.

Diottròbata: v. Catottròbata

Fantomìsta: n. inv. [FANTOMATICO = inafferrabile, mai visto da alcuno, da fr. FANTOME = fantasma] colui che è convinto, sostiene o diffonde teoremi, convinzioni o presunti fatti che non trovano riscontri concreti. – Sin.: fuffaro; fuffavendolo o fuffivendolo; mona (Veneto); balengo (Piemonte) – Fantomìa (s.f.) o Fantomìsmo (s.m.): teorema, convinzione o presunto fatto, che non trova riscontro concreto – Le scie chimiche sono l’ennesima fantomìa divenuta di moda; più che homo di Scienza, ei mi parve volgar fantomìsta.

Fobodulìa: s.f. [gr. PHOBOS = paura e DOULEÌA = servitù, culto] pratica tesa a fare proselitismo (in genere a favore di un pescefragola) evocando sentimenti di avversione e odio – Fobodulìsta s.inv. colui che pratica la fobodulìa – la propaganda anti-OGM fa largo uso della fobodulìa; più che sana diffidenza, parrebbe volgar fobodulìa; i seguaci di Langone sono affetti da fobodulìa proctologica (Kees Popinga, 2013).

Fragolapésce: v. Pescefràgola

Miocugginìsmo: n. Pratica pseudoscientifica che consiste nel collezionare pazientemente episodi isolati, aneddoti, racconti, singoli casi decontestualizzati, e spacciare poi il tutto per evidenza scientifica. – Sin. aneddotica – Miocuggìno: (s.m.) Creatura mitologica, protagonista di innumerevoli e mirabolanti avventure – Era un’accozzaglia di dati insensati, miocugginìsmo alla massima potenza; Mi ha detto miocuggìno che da bambino una volta è morto (Elio e le Storie Tese, 1996).

Pescefràgola s.m. o Fragolapésce s.f: affermazione, teoria o presunto fatto completamente inventato, frutto della fantasia. – Sin. fantomìa o fantomìsmo – Miocuggìno una volta ha mangiato una fragolapésce e dopo tre giorni è morto; il Mostro di Loch Ness? Sarà il solito pescefràgola.

Pistologia: [gr. PISTOS (πιστός)= ufficiale, degno di fede, proveniente dall’autorità e LOGOS (λόγος)= parola, scienza] dottrina parareligiosa basata sulla convinzione che esista un’entità superiore chiamata Scienza Ufficiale i cui sacerdoti, chiamati Personaggi Autorevoli, elargiscono i loro dogmi (Dichiarazioni Autorevoli) universalmente accettati come Verità Trascendente. – Pistologico: relativo alla pistologia – Pistòlogo: seguace della dottrina pistologica. – Smettila di frignare come un pistologo!; Invece della solita pistologia, prova a fare un ragionamento serio; mi pare invero un’obiezione da pistologo.



Risaputismo
s.m.: tecnica di convincimento basata sull’errore logico di considerare la supposta notorietà di un presunto fatto come valida dimostrazione del fatto stesso. – Anche se tutti sanno di Nessie, non significa che esiste: è solo risaputismo.

Vanoliano: [fr. J. P. Vanolì, scrittore di fantascienza italo-francese, 1941- ] persona disposta a credere a qualunque fantomìa – Sin. mazzuccone, fantomista – Non dargli retta, è soltanto un altro vanoliano; Ma te le bevi proprio tutte!? Sei proprio un vanoliano!

Farsi catturare dalle favole: ignoranza in scienza e culto della filosofia

Nel 2004 su La Repubblica Marina Cavallieri sosteneva l’esistenza di saperi forti, e che questi si apprendevano al Liceo classico.  A parte che l’aggettivo “forti” suona male, resta il fatto che la competenza che più manca in Italia è quella scientifica: lo stare a speculare e a bearsi è esagerato e meno necessario.  Ma soprattutto, mentre magnifica la filosofia e la letteratura, la giornalista compie proprio un errore che dimostra la sua eccessiva esagerata fiducia nel Liceo classico, e la sua incompetenza circa il modo di presentare i grafici (che i “saperi deboli” usano).  Il grafico è fatto male, e un ragioniere (o uno di materie deboli-scientifiche) non fa mai (anche se una volta in un convegno ho visto lo stesso errore).

Saperi forti

prosegui per leggere l’articolo

Altro

The long road toward an evidence-based policy

find the courage to abandon the silly idea that policy decisions can be judged just by some minor effects on our own little yard. Policy decisions have broad, dynamic consequences on our society as a whole, and we have to judge them on this base. That means we have to work hard to grasp every aspect of a decision in order to correctly evaluate it. No easy, ideological shortcuts allowed. We must get used to that. And we must also find the courage to support even those laws that will eventually undermine some of our own comforts, if these laws are reasonably fair and have a good overall effect on our society. We must always keep in mind that the advantages of good laws will eventually exceed every immediate, limited discomfort. Last, but not least, we have to forget about ideologies and political parties, and start spending our votes coherently with our evaluations of politicians’ decisions.

viaThe long road toward an evidence-based policy.

La comunità scientifica è divisa? Non credo proprio!

La comunità scientifica è divisa? Non credo proprio!.

Il Senso della Vita? 42

      

42 Douglas Adams wikip

Sei convinto di essere intelligente e speciale, di aver capito il mondo; o almeno sei convinto che l’uomo (e la donna) sia un essere filosofico, pensante, “sano di mente”, capace di conoscere il mondo, complessivamente saggio e non masochista ?  Allora non leggere i libri di Douglas Adams: la delusione che ne trarresti potrebbe farti troppo male 😉

Il terremoto a l’Aquila previsto dal 1349

[attenzione alle date]  "Il quadro del XIV secolo è reso più drammatico dalla compresenza di altri fattori critici che interagiscono con carestie ed epidemie.  Innanzitutto i terremoti: mentre già imperversa la peste, nel 1348 la Carinzia è devastata da un terremoto avvertito in un’area di diametro superiore ai 600 chilometri; le scosse di assestamento durano quasi due mesi. L’anno dopo, invece, è la volta dell’Appennino centrale, con due epicentri, in Molise e nell’Aquilano" (*)

        I terremoti a l’Aquila avvengono almeno dal 1349, cioè almeno da 663 anni. A quel tempo c’erano già mezzi scritti di trasmissione delle informazioni. L’unico a non "sapere" dei terremoti era ed è l’Uomo, il
famoso anello mancante tra la Scimmia e l’Homo sapiens  😉;-)        Citando Pievani circa l’evoluzionismo, quando pensiamo ai terremoti è come se guardassimo un giallo sapendo già chi è l’assassino, sapendo già chi come perché quando e dove ucciderà. E’ una deformazione cognitiva di prospettiva. Intendo dire sia che (a mio avviso) a interessarsi di una cosa dopo che esce il sangue non è mentalmente né soprattutto socialmente impegnativo (tutti concordano nell attribuire importanza); e sia che (come penso qui si sappia bene) il tipo di probabilità statistica del fenomeno terremoto è diverso da quello di altri fenomeni sempre "previsti" statisticamente (es. meteo, malattie). Il terremoto è come Testa o croce con la moneta: prima o poi dopo Testa uscirà Croce, ma non hai modo di prevederlo.   (*) fonte: Il medioevo – Castelli, mercanti, poeti (U.Eco)

Galileo si incazza: per 4 italiani su 10 il Sole è un pianeta

Galileo Galilei - per 4 italiani su 10 il Sole è un pianeta - rapporto Observa 2008 r75

Anche psicologia e psicoterapia si possono misurare

 

        Nonostante molti dicono che non sia possibile misurare i problemi psicologici e l’efficacia delle psicoterapie (i sostenitori della “irriducibile complessità umana”, che poi una qualche riduzione in testa ce l’hanno per forza), viene sempre più spesso dimostrato il contrario.

Psyc Science Public Interest

        In paesi più civilizzati (almeno dal punto di vista scientifico) succede che “psicologia” e “psicoterapia” vengono coniugate insieme a “scienza”, “verificabilità”, “plausibilità” e soprattutto insieme a “coraggio” “onestà”.

     Esiste infatti una Association for Psychological Science, e ad essa collegata un soggetto-rivista che finalmente (stiamo mandando astronavi oltre il sistema solare!) si pone il problema di misurare l’efficacia delle psicoterapie, e in relazione alla realtà (= costi; un problema quasi sempre ignorato ), chiamato Psychological Science in the Public Interest PPSI .

     Suggeriamo di dare un’occhiata al suo indice <—