Lo Stato italiano ti aggredisce, ti danneggia, e rifiuta pure di curarti

          Il 8/6/2011 3 agenti hanno aggredito un conoscente in casa (stava dormendo; era in casa con madre) causando gravi danni medici, compiendo i reati di violazione di domicilio e omissione di atti d’ufficio (tutto registrato; c’era stata una minaccia). Chiamata la "polizia" e “carabinieri” in flagrante non hanno fatto niente (nemmeno arrestare i 3 tipetti); denunciato tutto a "prefetto", "questura", "ministero interno", "presidente repubblica" Napolitano e Mattarella per avere almeno i diritti minimi (la salute ).  Cosa hanno fatto almeno del loro dovere minimo ?  In 6 anni !?

Repubblica italiana delle Banane - degrado inettitudine incompetenza corruzione

            Tutti hanno scelto l’omissione totale, aggravando enormemente, ma proprio tanto, le condizioni di salute. Addirittura la ASL Roma B ha ricevuto richiesta di cure mediche dal 2013 (anche per iscritto), ma questa ha rifiutato cure e ogni risposta, col risultato ovvio che la salute peggiora ogni secondo, prevedibilmente e logicamente. Omertà totale.   Il processo essendo italiano è insabbiato, minimo decennale come quelli italiani, quindi non serve a ripristinare la sicurezza e la salute a livello pre-aggressione né a frenare il peggioramento. Danni infiniti e gravi.

         Se potessi in 1/2 ora emigrerei in Svezia – Bandiera Svezia, o Germania, paesi civili e con più benessere, dove forse gli agenti non aggrediscono le famiglie in casa e forse le istituzioni hanno meno omertà che queste italiane, che addirittura rifiutano le cure mediche, che fanno solo retorica e dopologia (si vedano i toni melodrammatici post-terremoto).

Libro sul crollo russo post-zarista: per capire l’Italia guardandola dall’esterno

                 Essere “Straniero in patria” è lo strumento indispensabile ad ogni sociologo, o studioso di psicologia sociale o tutta, per capire un paese, un contesto.  Tutti siamo vittime della propaganda di ogni Stato; in Italia si è sempre raccontato che “i nostri soldati erano eroi che combattevano per la libertà” : la stessa identica cosa raccontata in ciascuna delle 170 nazioni del mondo.  Non si capisce come abbiano fatto questi eroi a invadere Grecia ed Libia, a gasare i cittadini dell’Eritrea.   

         Insomma è necessario vedere il proprio paese con gli occhi di uno straniero.  Riuscirci al 100% è impossibile, tutti siamo condizionati; riuscirci in parte è molto difficile perché le tue “certezze” saranno stravolte.   

Il crollo russo; dallo zarismo al bolscevismo.  Gayda V.

        Qui ti propongo un espediente per capire l’Italia:  se purtroppo sei nato in italia, allora sarai straniero mentre leggerai questo bello e utile libro di Virginio Gayda  “Il crollo russo: dallo zarismo al bolscevismo(vari formati).   Se ci aggiungi l’ingrediente della scaltrezza e della necessaria sfiducia in ogni Stato  Occhiolino, se ogni tanto ti viene un paragone anche con la tua patria, sei sulla buona strada per capire la forma di alcune radici storiche e sociali dell’attuale autolesionista e tragicomico disastro italiano.  Nel libro troverai la stessa irresponsabilità, il fatalismo, la cialtroneria, la disorganizzazione, le mentalità primitive e familistiche che vedi in Italia.

L’umanaio globale; proposte da Zinoviev

(estratto dal libro di Zinoviev "L’umanaio globale" http://www.spirali.it/libro/9788877704702/lumanaio-globale/  )

" Conserva la dignità personale. Tieni gli altri a distanza, inclusi gli amici più intimi. Soprattutto questi ultimi, perché sono loro i primi a cercare di diminuire la tua autocoscienza, di farti diventare un “insetto”. Mantieni l’autonomia di comportamento. Tratta gli altri con rispetto. Sii tollerante verso le convinzioni e le debolezze altrui. Non umiliarti, non strisciare, non piaggiare. Non guardare gli altri dall’alto in basso, anche se si tratta di nullità che meritano disprezzo. Dai a ciascuno il dovuto. Non ingigantire la nullità. Chiama genio il genio. Chiama eroe l’eroe. Tieniti alla larga dagli arrampicatori sociali, dagli intriganti, dai delatori, dai calunniatori, dai vigliacchi, e dagli altri essere malvagi. Esci dalla società dei malvagi. Discuti, ma non litigare. Conversa, ma non sproloquiare. Chiarisci, ma non predicare. Se non ti chiedono, non rispondere, Non rispondere più di quanto ti chiedano. Non attrarre l’attenzione. Se puoi fare a meno dell’aiuto degli altri, evitalo. Non imporre il tuo aiuto. Per un servigio volontario non attenderti lodi. Non insinuarti nell’animo altrui, e non lasciare che nessuno si insinui nel tuo.                                                       (segue % )

Altro

Le persone intelligenti fuggono dall’Italia

Fuga_dei_cervelli

“Nel 2000, il tasso di espatrio dei laureati si attestava al 7%.[3] Secondo una recente ricerca dell’Icom, solo riguardo ai proventi da brevetto, l’Italia avrebbe perso circa 4 miliardi di euro negli ultimi 20 anni. Inoltre, «il 35 per cento dei 500 migliori ricercatori italiani nei principali settori di ricerca abbandona il Paese; fra i primi 100 è addirittura uno su due a scegliere di andarsene perché in Italia non riesce a lavorare» ”  (wikipedia – fuga dei cervelli)

Tasse e Incompetenza ita secchio fuga cervelli

Renzi chatta a conferenza stampa UE con Schultz

Violenza contro una donna: condannato anche in appello il “ministero dell’interno”

[ENG] Violence against a woman: II degree sentence condemn again the italian self-called “interior ministry”  (see/click here I sentence – english).   In year 2007-8 Italy and “interior ministry” have allowed 2 years violence (as “Clockwork orange” or “Shining”), persecutions, harassment against a woman; him omissions caused serious damges, also a PTSD (for staying into an office: not under bombing or rape!).   After “only” 5 (five) years “interior ministry” receive a condemn for bullying, he must pay € 95.000,00 but instead of pay, he claimed a II sentence (against a victim, dead!).  

         II sentence has arrived exactly 3 year later 16/10/2015 (only 9 years after the violence) and condemn again Italy and “interior ministry”.  Italy confirm itself as a corrupt country, with strong self & etero distruptive behaviors: Italy damage citizens while damages itself, this is the essence of stupidity (see “Stupidity”, Prof. C. Cipolla) . 

stupid01

Exactly like in URSS communism (URSS sent his best scientists, best intellectuals, best workers and citizens into the Gulag).  The fact that this happens also now in all the world, is irrilevant.

                   Chi difende le donne ( e i cittadini in generale) dalla violenza contro di esse ?  Ovvio, le “forze dell’ordine”, cioè il “ministero dell’interno”.   Questo secondo le versioni ufficiali della propaganda.  

      Guarda tu cosa fa in realtà il “ministero dell’interno” alle donne. Già condannato il 16/10/2012 per mobbing contro una donna, non contento ha fatto ricorso, contro una morta (!)(nel frattempo la vittima era morta, probabilmente per le conseguenze), e ha perso anche in appello il 16/10/2015, esattamente 3 anni dopo, ma ben 9 (nove) anni dopo le violenze contro una donna: in 9 anni la Repvbblica Italiana ancora non si accontenta di concludere un suo comportamento immondo, continua a scavare per raggiungere livelli di aberrazione e autolesionismo assoluti. 

       Il 25/11/15 ci sarà la “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” : guarda bene tu cosa vedi, leggi tu questa sentenza, e poi concludi da solo.

II grado 1

II grado 2

Cristo disperato

Altro

Stronzo ® (Asshole ®)

chi può aiutarti ma non lo fa - STRONZO asshole

Uno Stronzo può essere un singolo; quasi sempre lo Stronzo è solo un pezzetto di un gruppo di cui si sente parte, dietro il quale nasconde tutta la sua meschina inconsistenza.  Ma ancora di più lo Stronzo è una istituzione, un ufficio, un soggetto pubblico (governi, ministeri, forze dell’ordine)  in ogni paese.

In parte lo Stronzo è sovrapponibile a lo Stupido (cfr Prof. Cipolla, Livraghi: cioè chi fa male agli altri danneggiandosi a sua volta) .   Stronzi e Stupidi sono ovunque, sono la maggioranza, governano il mondo.

     Lo Stronzo lo riconosci subito perché è quello che grida di più, è quello che finge indignazione, che invece di fare esibisce lacrime finte, che retoricamente sfrutta i morti (senza averglielo chiesto!) per non aiutare i vivi. 

[ENGLISH] An Asshole may be a single; often an Asshole is only a part of a group.   Very often Asshole is public administration, bureocracy, government, police, everywhere.  

Generally an Asshole is similar at a Stupid (someone who damage others while damaging itself).  Assholes and Stupids are the most part, they rule all over the world.

Ascoltare i giornalisti ?

Malcom X against the media

Immagine

Come rendere impossibile il pensare

TV the only window to the world

“  Fine specifico della neolingua non era solo quello di fornire … un mezzo espressivo che sostituisse la vecchia visione del mondo e le vecchie abitudini mentali, ma di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero
(G. Orwell, 1984 ; Appendice, I principi della Neolingua)

Meccanismi sociali che ci impediscono di pensare e agire con la nostra testa

  • Rivolgiti alle emozioni; la propaganda deve essere indirizzata alle emozioni, e solo in parte limitata al cosiddetto intelletto
  • Mantieni il messaggio semplice: la recettività delle grandi masse è molto limitata, la loro intelligenza è piccola…
  • Ripeti il tuo messaggio costantemente: le tecniche di propaganda devono ridursi a pochi punti e ripeterli in continuazione ”    (Adolf Hitler)

TV consume conform fear

Silvano Agosti–alcuni suoi pensieri

      Ti senti alienato, solo ? Ti sembra che il mondo va per conto suo, in direzioni che non ti appartengono ?   Soffri inutilmente nei posti di lavoro ? Non credi affatto nel culto del “lavoro” ?  Ti sembra tutto storto, vedi menzogna, vergogne, condizionamenti mediatici, giornalisti leccapiedi, politica-circo, degrado sociale, ignoranza, farse, miti dell’efficienza e delle prestazioni ?   Senti veramente difficoltà a conformarti alle norme sociali ?  Hai il coraggio di andare controcorrente, anche da solo ?

Silvano-Agosti

      Ho trascritto da filmati di Youtube alcuni interessanti pensieri di Silvano Agosti in questa PAGINA ;  dalla pagina puoi scaricare una playlist dei brani inMp3 così da poterli ascoltare come sottofondo.

“Sto così arretrato che se guardo avanti vedo il passato”

Qualcuno ha inventato la frase surreale “Io sto così avanti che se guardo indietro vedo il futuro”: in questi giorni mediatici (lo so, a v0lte guardo i tg) la frase adatta è “Sto così arretrato che se guardo avanti vedo il passato”.  

(retorica del lutto da parte del presidente Letta)

Con tutti i gravissimi problemi esistenti, primo tra tutti il tabagismo (210 morti al giorno, 11 milioni di malati di cui la metà morirà se non riesce a smettere), media e istituzioni attuano i loro rituali sociali di Retorica del lutto, di Esibizionismo di finta indignazione, per due vicende minime, ormai sepolte, vecchie, e soprattutto finite e dove tutti sono d’accordo.     Parlando di fatti come questi non si rischia niente, non si paga nulla: è tutto gratis.  Forse farlo non vale molto ?!  O forse comunque non serve a niente ?  O sicuramente serve molto meno che interessarsi della prima causa di morte (fumo) o di altre ?

 

Altro

A quanti metri si mette il triangolo di emergenza ?

triangolo a 2 mt

se vuoi sapere cosa succede quando ti fermi al centro di una autostrada a 4 corsie e metti il triangolo a 2 metri, clicca sotto   (vai a tempo 8.30)

la realtà non esiste, i fatti devono adattarsi alle parole

 

“Accanto a questo si sviluppa […] la tendenza a non credere all’esistenza di una verità oggettiva, perché tutti i fatti devono adattarsi alle parole e alle profezie di qualche führer infallibile.”

(George Orwell, lettera del 1944 in cui spiegava le teorie che poi avrebbe romanzato in “1984” 5 anni dopo)

“La scienza è divisa” : le finte controversie

Non solo circa OGM, sperimentazione animale, vaccini, staminali, e cancro, ma per mille altri argomenti, SOLO I NON SCIENZIATI parlano di “controversie” che letteralmente non esistono.  Sono le fintoversie, di cui scrive magistralmente Salvo Di Grazia su MedBunker.   Si inizia  a raccontare di dibattiti che invece non esistono, allo scopo di vendere qualcosa con mezzi scorretti, disonesti e nocivi.

1200 km di piste ciclabili in meno: perché l’Italia viene declassata da Standard & Poor’s

1/2 Guarda questa serie di FOTO (Spiegel) sulle bici nell’Europa civile, e valuta se quelle persone sono più o meno serene di chi guida l’automobile

Spiegel - Europe full of bikes

2/2

  Helsinki City Tourist Information

There are more than 1200 kilometres of bicycle paths in Helsinki. A free cycling map available from our office will help you to find your way around the city. Have you already explored Helsinki by bicycle?
Photo: Juho Kuva / Helsinki Tourism Material Bank

There are more than 1200 kilometres of bicycle paths in Helsinki. A free cycling map available from our office will help you to find your way around the city. Have you already explored Helsinki by bicycle?

Photo: Juho Kuva / Helsinki Tourism Material Bank

     Ad Helsinki si vive bene, perché per gli spostamenti quotidiani ci sono trasporti civili e 1200 Km di piste ciclabili.  Le usano tutti, tutti e tutte, grandi, bambini, adulti, anziani, ragazze, anche monopattini o pattini o skateboard.  E dopo un viaggio in bici ci si sente molto meglio che dopo 3 ore imbottigliato sul GRA

Lo dice la ggente, quindi è vero !

Sto leggendo Psicologia delle folle (Gustav Le Bon ) scritto 120 anni fa (1895) mi sembra suggerito qui. Nonostante il linguaggio, visto da oggi, sia semplicistico (nel frattempo sono sorte la sociologia e la psicologia sociale quest’ultima con veri esperimenti), mi sembra proprio una bibbia. Cercherò di usarlo per guardarMI con molta umiltà, e lo suggerisco .
Le prime 3 citazioni sono scritte proprio per "noi" OKKIO 😉
– "Questa comunanza delle qualità consuete ci spiega perché le folle non saprebbero compiere atti che esigano un’intelligenza elevata. Le decisioni di interesse generale prese da un’assemblea di uomini scelti, ma di diverse attitudini, non sono sensibilmente superiori alle decisioni che prenderebbe una riunione di imbecilli."
– Comune livello dello scienziato e dell’imbecille in una folla.
– La qualità mentale degli individui di cui si compone la folla non smentisce questo principio. Questa qualità non ha importanza. Dal momento che sono in folla, l’ignorante e il dotto diventano egualmente incapaci di fare osservazioni.

Altro

Contento di essere comandato ?

Bennato_edoardo incazzato 2

Immagine

La Dopologia e la Retorica del lutto

    L’Italia è un paese cialtrone, ignorante, buffone, burattino, stupido; con tante eccezioni (solo nei singoli) ma sempre insufficienti rispetto al contesto sociale totalmente degradato.             

       Una cosa che odio è la Dopologia : gli italiani sono cicale, sempre “allegri”, ottimisti, tranquilli … poi “all’improvviso” accadono cose strane, “imprevedibili”: le “fatalità” (cani che mordono, una cosa mai accaduta nella storia dell’umanità): incidenti mentre si guida con 3 cellulari, terremoti sotto case costruite in modo illegale e pericoloso, incidenti sul lavoro, insomma incidenti o omicidi e subito si materializzano i Dopologi, burattini delle istituzioni che tutto il giorno omettono di fare il loro dovere, di fare quello per cui sono pagati, e che dopo l’incidente lanciano accuse e strali, fingono stupore (che un cane uccida è imprevedibile), selezionano i casi solo se mediatici.

           E’ la Retorica del lutto: col morto davanti tutti questi inetti poiché percepiscono che in tutta la loro vita non hanno fatto un cazzo di quanto dovevano, poiché capiscono che è colpa loro, si esibiscono in posticcia tristezza, approfittano, letteralmente usano un morto per guadagnare in immagine, e dopo che per anni hanno ignorato le sue legittime richieste, i suoi centinaia di allarmi.  Poiché questo fare è generalizzato, e poiché con gli ignoranti funziona benissimo, in Italia ci saranno sempre morti annunciatissime, anche per iscritto, ma che diventeranno “fatalità” o “disgrazie” o “per esaurimento nervoso” o “per disoccupazione”.  

Altro

“io sono…” italiano, tedesco, russo, peruviano

Dov'è ora la tua patria - rotolo igienica - frecce

E.V. Debs - I have no country I am a citizen of the world

Epimenide il cretese è proprio un bugiardo !

Epimenide il Cretese color

Immagine

L’autorità dello Stato non è necessaria

 

   I media, i politici, la società, ci fanno credere che “i politici” abbiano un potere che è tutto necessario al nostre bene, ci fanno credere che deve esistere uno Stato con la forma che conosciamo.  Invece il potere può essere molto meno coercitivo.

          Ci sono società in cui “Il capo invece è il depositario di un paradossale potere che non può nulla, è colui che parla a nome della società, costantemente sotto sorveglianza: la società vigila per impedire che il prestigio derivato dal privilegio della parola si trasformi in Un potere separato e trascendente, in dominio”.     Insomma, dobbiamo sorvegliare e possiamo criticare costantemente chiunque si investa di un potere pubblico: amministratori, sindaci, politici, ministri, presidenti; e se si comportano male possiamo lanciargli invettive, pomodori, uova marce.   Ce lo spiega Pierre Clastres in “Anarchia selvaggia. Le società senza stato, senza fede, senza legge, senza re”, recensito qui da Alfabeta2.

Giuliano Amato: come danneggiare lo Stato e il ministero dell’interno, e candidarsi a presidente della Repubblica

 

           Giuliano Amato: come danneggiare lo Stato e il ministero dell’interno (ministero dell’Omertà), e candidarsi a presidente della Repubblica … delle banane.

Giuliano Amato ministro-pizza-e-mandolino

           Nel 2008 Giuliano Amato era ministro dell’interno; a causa della sua enorme incompetenza ha portato il Ministero dell’interno a  danneggiare gravemente una lavoratrice, sottoponendola a violenze, torture, vessazioni, insulti, molestie, mobbing, tanto da renderla invalida: questo già dovrebbe bastare a metterlo nei posti opportuni.    A causa della sua incompetenza venne avviato un processo per mobbing contro il Ministero diretto da Amato: nell’ottobre 2012 il ministero di Amato è stato condannato per mobbing, tra l’altro con prove schiaccianti e con tutte le testimonianze ampiamente concordi con l’accusa: solo di denaro il ministero di Amato ha causato un danno di € 91.000,00  ; mentre il livello dell’immagine del ministero dell’interno e dello Stato lo lasciamo a chi ha il coraggio di guardare.   Un qualsiasi soggetto di una qualunque realtà del mondo sarebbe preso a calci nel sedere.  Qui in ItaGlia invece la condanna (una condanna storica, la prima) è stata totalmente censurata dai giornalisti e ignorata, nascosta anche dal Presidente della Repubblica Napolitano (vuoi che non sia stato informato di una condanna al ministero dell’interno?), il quale non si oppone alla candidatura “politica” di Amato non a soprammobile, ma a … Presidente della Repubblica.

             Morale ?  Per fare carriera o diventare Presidente della Repubblica, non rubare un cellulare, dieci kg di carne, venti paia di scarpe Nike, sei iPhone, nè 40 ultranotebook, no, devi contribuire a danneggiare le persone, e con-causare danni di almeno € 91.000,00 alla collettività.

The long road toward an evidence-based policy

find the courage to abandon the silly idea that policy decisions can be judged just by some minor effects on our own little yard. Policy decisions have broad, dynamic consequences on our society as a whole, and we have to judge them on this base. That means we have to work hard to grasp every aspect of a decision in order to correctly evaluate it. No easy, ideological shortcuts allowed. We must get used to that. And we must also find the courage to support even those laws that will eventually undermine some of our own comforts, if these laws are reasonably fair and have a good overall effect on our society. We must always keep in mind that the advantages of good laws will eventually exceed every immediate, limited discomfort. Last, but not least, we have to forget about ideologies and political parties, and start spending our votes coherently with our evaluations of politicians’ decisions.

viaThe long road toward an evidence-based policy.

A che punto siamo: lo sviluppo sociale nel mondo secondo CFR

CFR Council on Foreign Relations fotografa lo stato del mondo nel 2012, dal punto di vista di democrazia, sviluppo, economia, diritti, libertà, competitività, corruzione, e altri indici socio-politici.

CFR blog mediterranean sea Legatum etc

Finalmente la verità su Stefano Cucchi: si uccise lui per sciopero della fame

morto per malnutrizione” è la causa della morte di Stefano Cucchi, la persona che anni fa la Polizia prese in carico, e glie lo restituì “un po’ più rigido”.  Lo sentenzia un tribunale, non sappiamo se a qualcuno sia scappato da ridere, della Repvbblica Italiana il 14/12/2012.

repubblica_italiana delle Banane La Polizia lo prese, dopo  averlo tenuto a sé picchiandolo (lo fanno anche con Presidenti e Ministri ), e con la collusione passiva di medici e infermieri dell’Ospedale “Pertini” lo uccise … almeno così ci sembrava.
Il nome “Sandro Pertini” sembrava macchiato da questi cialtroni di sanitari, ma oggi emerge finalmente la verità: Cucchi morì per “grave carenza di cibo e liquidi” (= morto di fame); ma una fonte che per ora non possiamo rivelare ci assicura, mentre parla al telefono con la Befana, che in realtà Stefano Cucchi stava facendo uno sciopero della fame ! solo che il motivo lo sapeva solo lui. Stefano Cucchi

        Stefano poi fece di tutto per farsi arrestare e si mise a colpire col suo osso sacro e con la sua testa degli spigoli di mobili, dei manganelli, addirittura dei piedi di agenti (uno di questi “agenti” se non avesse avuto gli anfibi si sarebbe fatto male). Ora i familiari dovranno risarcire la Polizia per gli arredi e gli oggetti che Stefano danneggiò, e lo Stato per le spese che dovette sostenere per un’azione, lo sciopero della fame, che ovviamente resta una iniziativa privata e non a spese della Repvbblica Italiana;i familiari e soprattutto la sorella Ilaria [FILMATO] la finiranno di sparare tutte quelle cazzate: per un suicida ci hanno rotto le palle tutti questi anni !Stefano Cucchi morto di fame e Gesu morto di freddo

Il Senso della Vita? 42

      

42 Douglas Adams wikip

Sei convinto di essere intelligente e speciale, di aver capito il mondo; o almeno sei convinto che l’uomo (e la donna) sia un essere filosofico, pensante, “sano di mente”, capace di conoscere il mondo, complessivamente saggio e non masochista ?  Allora non leggere i libri di Douglas Adams: la delusione che ne trarresti potrebbe farti troppo male 😉

Pizza, mandolino, e corruzione

Denmark, Finland, New Zealand, Sweden, Singapore, Switzerland, Australia, Norway, Canada, Netherlands, Iceland, Luxembourg, Germany, Hong Kong, Barbados, Belgium, Japan, United Kingdom, United States, Chile, Uruguay, Bahamas, France, Saint Lucia, Austria, Ireland, Qatar, United Arab Emirates, Cyprus, Botswana, Spain, Estonia, Bhutan, Portugal, Puerto Rico, Saint Vincent and the Grenadines, Slovenia, Taiwan, Cape Verde, Israel, Dominica, Poland, Malta, Mauritius, Korea (South), Brunei, Hungary, Costa Rica, Lithuania, Rwanda, Georgia, Seychelles, Bahrain, Czech Republic, Latvia, Malaysia, Turkey, Cuba, Jordan, Namibia, Oman, Croatia, Slovakia, Ghana, Lesotho, Kuwait, Romania, Saudi Arabia, Brazil, Macedonia, South Africa, Bosnia and Herzegovina,       Paese scarpa - pizza mandolino madonne corni banane Skiantos

Tutte quelle nazioni sono meno corrotte dell’ItaGlia, lo certifica Transparency International 2012.   Inoltre (è noto) è stato ribadito il legame “causale” tra cattolicesimo (culto dell’irresponsabilità; diversamente dal protestantesimo) e corruzione .

Il terremoto a l’Aquila previsto dal 1349

[attenzione alle date]  "Il quadro del XIV secolo è reso più drammatico dalla compresenza di altri fattori critici che interagiscono con carestie ed epidemie.  Innanzitutto i terremoti: mentre già imperversa la peste, nel 1348 la Carinzia è devastata da un terremoto avvertito in un’area di diametro superiore ai 600 chilometri; le scosse di assestamento durano quasi due mesi. L’anno dopo, invece, è la volta dell’Appennino centrale, con due epicentri, in Molise e nell’Aquilano" (*)

        I terremoti a l’Aquila avvengono almeno dal 1349, cioè almeno da 663 anni. A quel tempo c’erano già mezzi scritti di trasmissione delle informazioni. L’unico a non "sapere" dei terremoti era ed è l’Uomo, il
famoso anello mancante tra la Scimmia e l’Homo sapiens  😉;-)        Citando Pievani circa l’evoluzionismo, quando pensiamo ai terremoti è come se guardassimo un giallo sapendo già chi è l’assassino, sapendo già chi come perché quando e dove ucciderà. E’ una deformazione cognitiva di prospettiva. Intendo dire sia che (a mio avviso) a interessarsi di una cosa dopo che esce il sangue non è mentalmente né soprattutto socialmente impegnativo (tutti concordano nell attribuire importanza); e sia che (come penso qui si sappia bene) il tipo di probabilità statistica del fenomeno terremoto è diverso da quello di altri fenomeni sempre "previsti" statisticamente (es. meteo, malattie). Il terremoto è come Testa o croce con la moneta: prima o poi dopo Testa uscirà Croce, ma non hai modo di prevederlo.   (*) fonte: Il medioevo – Castelli, mercanti, poeti (U.Eco)

Forza ItaGlia, prima nelle diseguaglianze

Roger Abravanel (da Corriere della Sera) parla dell’ItaGlia prima, tra i paesi occidentali, per DISeguaglianze.

Roger Abravanel - Regole - Corriere TV

Galileo si incazza: per 4 italiani su 10 il Sole è un pianeta

Galileo Galilei - per 4 italiani su 10 il Sole è un pianeta - rapporto Observa 2008 r75

L’Italia arretra di 3 posti in un anno

      Nella classifica mondiale su 110 nazioni, elaborata da The Legatum Prosperity Index, in un solo anno l’Italia ha perso ben 3 posizioni, passando dalla 30 su 110 del 2011,  alla 33 su 144 del 2012. (nel 2011 di molti paesi non si avevano dati sufficienti, nel 2012 l’agenzia ha aggiunto 34 nazioni); .   Nel 2011 come da figura qui sotto si era al 30/110 posto :

Legatum Prosperity index 2011 Ita

   e già si notava il basso “capitale sociale” (sicurezza, fiducia, e affidabilità nelle relazioni con persone, istituzioni, aziende e soggetti vari).  Dal nostro piccolo osservatorio non sappiamo a cosa riferirlo, né possiamo farlo in 2 righe.  Certo l’Italia non è quella percepita dai politici o raccontata dai media: industria inesistente, ricerca azzerata da decenni, sviluppo zero, sicurezza sociale buona solo a livello di famiglia (familismo amorale) e di “clan”; tanta pizza e tanto mandolino, calcio o “politica” (purché sia un gruppo), culi e gossip in TV, conoscenza scientifica sottozero.

        Certo, si vive molto meglio che nella maggior parte del resto del mondo, la durata media della vita è  molto alta (soprattutto per le donne, le quali però si lamentano sempre…), ma si sta peggiorando, e si vive peggio che in molte nazioni geograficamente prossime o confinanti.   Regge solo la sanità che, con tutte le eccezioni che si vuole, resta globalmente buona.  Qui i risultati del The Legatum Prosperity Index 2012  (nel sito si possono facilmente fare chiari confronti tra nazioni).

2012 - schermata generale Ita

Vietato dire “Dio non c’è”

Ateobus UAAR 2012 - autorizzato solo per Zeus

Nel 2010 l’ItaGlia arretrata e incivile vietò di scrivere “Dio non c’e”   (forti pressioni politiche all’agenzia IGPDecaux).   Certo, in Iran è molto peggio: ma in Europa è moooolto meglio.

Come spargere il cancro, e farsi pagare

Chi riuscirebbe a spargere sostanze “sicuramente cancerogene” e contemporaneamente farsi pagare ?  E un Direttore sanitario come quello dell’ospedale di Giarre (dovrebbe essere Salvatore Scala), può essere cieco ?

Giarre ospedale violazione legge fumo Uribu r80

I love Helsinki

I love Helsinki

i paesi col maggior benessere

       Dopo un viaggio in Finlandia, il paese tra i più ricchi d’Europa, civile, efficiente, moderno, bello, col settimo livello di benessere e prosperità al mondo, se potessi tornare indietro e scegliere dove nascere, preferirei uno dei 7-8 paesi del mondo col miglior benessere (1) tra cui la Finladia; fermo restando che ogni “nazione” (quando è vissuta in modo esclusivo, dogmatico e religioso) è una gabbia e che ogni governo mente sempre.    Ti sei mai chiesto perché tiggì e giornali non parlano mai di nazioni come Norvegia, Danimarca, Australia, Nuova Zelanda, Svezia e Canada ? Sono i sei che nella classifica mondiale vengono prima della Finlandia, anche questa completamente assente nelle cronache dei sedicenti giornalisti.  In questa classifica l’Italia è al 30° posto, meglio di molti altri, ma peggio di come ci vogliono far credere media provinciali e politici provinciali.

          In Finlandia tutti vanno in bicicletta.  Stanco di essere deriso quando mi presentavo come “italiano”, vergognandomi di dirmi italiano il giorno dopo che la tv nazionale finlandese aveva mandato un documentario sulla camorra (fenomeno che con la mafia non ha nulla di specifico italiano, no ?), ho deciso almeno un po’ di cambiare nazionalità.   Ancora non posso farlo formalmente e fisicamente, ma col mio cuore e il mio pensiero sono in Finlandia.  La distanza tra l’incurabile Italia e la Finlandia è come quella tra la Somalia e l’Italia (vedi il confronto); ma per percepirla bisogna fare l’esperienza concreta del viaggio, ovviamente sforzandosi di capire come si vive lì, di pensare alla finlandese e non all’itaGliana (ridendo come solo gli italioti sanno fare in tutto il mondo – lo scrisse lo stesso Leopardi nel 1824).   Chi si vanta dell’Italia, chi ci sente orgoglio (pensiamo alle tonnellate di retorica del 150° anniversario, alle surreali “alzate di voce” prima dei recenti e continui incontri per la crisi economica UE), o non è mai stato all’estero, oppure c’è stato ma sempre a ridere all’itaGliana in compagnia di italiani ( I SINGOLI SONO UN’ALTRA COSA!), oppure se c’è stato come unico italiano non ha capito un c**** Occhiolino  ; si è illuso dalla retorica del nazionalismo, che c’è in ogni paese, ma che è una cosa diversa dalle effettive condizioni di vita, misurate. 

        Lì se vuoi fare una cosa la fai, qui per ogni attività, lavoro, vicenda, faccenda, operazione, compito, devi litigare con qualcuno, devi leccare (vedi il Sistema delle corti), adulare ogni “capo”,  mostrarti stupido, o troverai un “imprevisto”, un ritardo, sporcizia, un qualcosa di guasto, qualcuno che non era stato avvisato (per una cosa organizzata da 8 mesi), e qualcuno che arriva con almeno 1/2 ora di ritardo.  Ieri a radio GR Parlamento trasmettevano un convegno su un grande problema che giustamente alcuni italiani stanno affrontando come priorità, quello de “I calabresi nel mondo” (!):  con questa ampiezza di vedute, le speranze di far qualcosa ad esempio sulla crisi economica mondiale, sono azzerate.  Leggi (ci vuole un po’ di tempo) come sono visti gli itaGliani all’estero nello studio di Gambetta e Origgi. : dei ciarlatani pressapochisti.   Ma questo lo avevano già sentenziato gli Skiantos, cantando “… cosa pretendi da un paese che ha la forma di una scarpa”.

   

Quello della nazionalità è il mio ultimo problema ma poiché in qualche modo bisogna averla, preferisco sputare su questa ItaGlia arretrata e incivile, provincialissima, che si vanta del proprio degrado, con troppi ciarlatani ignoranti che gridano e pochi saggi che parlano, piena di provinciali DOC, che può competere solo con Grecia e Spagna, che incolpa la Germania e la Merkel della propria incapacità, che eleva a pregio la cialtroneria e il pressapochismo, che degrada ogni relazione; preferisco il benessere, la Finlandia, l’Europa, il mondo, preferisco vivere Occhiolino

 

(1) Canada, Nuova Zelanda, Australia, Islanda, Norvegia, Svezia, Danimarca, Olanda, Finlandia.

Voci precedenti più vecchie