Condannato per mobbing il ministero interno

Condannato per mobbing il ministero dell’Amore(ministero dell’interno) per fatti degli anni 2007-8 (ministri Amato e Maroni; prefetti Serra e Mosca)

       Con una sentenza storica, la 16654 del 16/10/2012 (sito CGIL) il ministero dell’Amore (11) detto “ministero dell’interno”, in nome del popolo italiano è stato condannato per mobbing, per comportamento vessatorio, verso una persona poi morta per le conseguenze.   Il soggetto che dice di agire contro la violenza, è coinvolto con quella che si commette sotto la sua responsabilità.

sentenza 14b

Le gravissime e indegne violenze denunciate, avanzate dall’accusa, accertate dal Tribunale e scritte nella sentenza sono state perpetrate contro una lavoratrice negli anni 2007-8 alla “prefettura” di Roma, per le gravi incompetenze e irresponsabilità dei “prefetti” e dei “ministri” del tempo cioè rispettivamente Achille Serra e Carlo Mosca, e Giuliano Amato e Roberto Maroni :  forse sono incompetenti ? 

I RESPONSABILI DEI DANNI VENGONO … PREMIATI

Qualcosa tra lo Zambia e il Burkina Faso.   Nessuno di costoro ha pagato: non solo non sono stati licenziati ma hanno fatto “carriera”, addirittura continuano a parlare al mondo insegnando, scrivendo libri o con la “politica”, con analfabeti coi paraocchi che li chiamano “prefetto” o “professore”. Riemerge palese la psicopatologia dei luoghi di lavoro; poi ci sono la responsabilità politica specifica di quelle 4 persone e quella generale della “classe politica” e degli psicologi “standard”(12).  A parole il ministero e i prefetti avevano anche una conoscenza specifica del fenomeno mobbing (convegno prefettura Pavia), ma non hanno fatto nulla di quanto in loro dovere; i convegni servono a nascondere quello che non si fa.   Questi sono i “professionisti” di cui risponde il “ministero  dell’interno”: “ministri”, “prefetti”, “"questori”, “poliziotti”, “carabinieri” e “vigili”, la “crema” della società, ma quanto a competenza …

I FATTI

sentenza 1

Le violenze contro questa persona sono state praticate sistematicamente e in maniera persecutoria dal Gennaio 2007 all’Agosto 2008 al “ministero dell’interno” – “prefettura” di Roma. I “ministri” e i “prefetti” hanno lasciato e consentito (i responsabili erano loro) che una “dirigente” sottoponesse la lavoratrice – sentenzia il Tribunale (9) – a comportamenti vessatori e discriminatori … la accusava di lavorare poco, la aggrediva verbalmente in presenza di altri, la minacciava di denunce all’autorità, la controllava per lungo tempo e personalmente, le negava la possibilità di differire le ferie, la escludeva da attività dell’ufficio”. 

sentenza 8

          Complimenti a chi “lavora” in questo competente e autorevole Ministero delle vessazioni; e complimenti a chi ha rapporti con esso. 

LO STATO CHE VIOLA LE LEGGI CHE IMPONE EGLI STESSO

        La Legge, il Codice civile all’articolo 2087impone al datore di lavoro(quindi a “ministero”, “ministri”, “prefetti” e altri “dirigenti”)di adottare ogni misura necessaria a salvaguardare l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore” (1) ma quei 5 soggetti non hanno rispettato la Legge: il cuore della “pubblica amministrazione”, l’ente e le persone che sostengono di garantire la “sicurezza” facendosi pagare, il soggetto che per primo dovrebbe imporre l’osservanza a tutti di Leggi e regole e si autorizza autoreferenzialmente a farlo anche con la forza, l’ha violata, alla grande, con totale consapevolezza e nonostante gli inviti/richieste espliciti imploranti della vittima a difendere i suoi diritti, la sua persona, la sua salute. Lo Stato, questa Repvbblica Italiana dei lacchè, ha compiuto precise azioni contro un cittadino.  Questo lo fa solo il cancro, e se ci fosse qualche neurone nella PA l’organo canceroso sarebbe espiantato, sostituito con uno sano, e buttato nel wc.

sentenza 9

     In altre parole questo “Ministero dell’Interno”, almeno finché non provvederà mettendo alla berlina i tanti singoli responsabili invece che sé stesso e il tricolore, ha perso qualunque autorevolezza, situandosi a livelli inferiori degli stati africani: mentre le cosiddette “autorità” (sempre riverite dai giornalisti) si vestono in giacca e cravatta e parlano aulico e forbito, citano sempre problemi di origine esterna (“la criminalità”, “la crisi finanziaria”, “gli spacciatori di droga”, “lo spread”, “la globalizzazione”, “la mafia”), fanno violenza contro i loro stessi lavoratori: il serpente non solo si morde la coda, ma chiede di essere pagato da noi.

Ministero della Vessazione - Giuliano Amato Roberto Maroni - Italy violence bullying backwardness ignorance code of silence mafia pizza mandolino

Un “ministero dell’interno” che consapevolmente vessa e violenta un lavoratore, che viola la Legge, è come un pompiere che di notte va “solo” ad accendere qualche bosco, è come un poliziotto che “ogni tanto” accoltella qualcuno o dichiara il falso (2), è come un medico che consapevolmente somministra cianuro “ma non a tutti” (3). In una nazione normale e con qualche giornalista sarebbe stata azzerata e messa alla berlina tutta la catena gerarchica (in Germania un ministro si dimise perché aveva copiato un compito): invece i “ministri” e i “prefetti” che magari vedremo pontificare in tv ci fanno carriera.

CENSURA TOTALE DAI BURATTINI DELL’INFORMAZIONE

In Italia ci sono 120.000 giornalisti, 1 ogni 500 persone cioè la percentuale più alta al mondo, quasi tutti come pappagalli-burattini a ripetere le stesse 4-5 “informazioni”, tutti hanno censurato il grave e imbarazzante fatto.  La CGIL invece ha pubblicato sul suo sito

CGIL 2

ATTACCHI, TERRORE, MALATTIA, E MORTE

I citati “prefetti” e “ministri” hanno permesso che una capufficio molto violenta vessasse e aggredisse una lavoratrice, tutti i giorni, violentandola, accusandola, gridandola e schernendola in pubblico, con continui attacchi e un atteggiamento che (è certo) non usava verso i “prefetti”: è l’omertà che (diversamente dalle narrazioni mitologiche alla “Mulino Bianco”) permea tutti i posti di lavoro; nei comparti “riservati” l’omertà è massima, assoluta, superiore a quella di tutte le mafie messe insieme. I quattro  moschettieri di cui sopra hanno permesso che questa capufficio sadica (ma solo con i dipendenti…) seguisse a vessare la lavoratrice addirittura dentro il bagno; una via di mezzo tra “Shining” e “Arancia meccanica”, mentre “prefetti” e “ministri” esibiscono i loro sorrisi, e giornalisti ignoranti e collusi censurano le informazioni rilevanti.

Shining Ministero dell Interno repubblica delle banane Italy bullying

IL MINISTERO DELLE VESSAZIONI FA RICORSO CONTRO UNA MORTA (!) CHE FORSE HA UCCISO EGLI STESSO (!!)

       Quando la vittima chiedeva aiuto al “prefetto”, anche solo di essere allontanata, di fuggire, ma questi non solo non faceva il lavoro per il quale è pagato, non solo rifiutava di aiutare una vittima, ma la rimproverava (!) (mantenendola nello stesso posto). La reazione umana ultima, fallite le mediazioni di buon senso, verbali e legali, è quella psicofisiologica: attacco o fuga; la “Legge” gli impediva di reagire a coltellate (sarebbe stata una reazione adeguata?), ma a questa persona dai 2 “prefetti” citati era impedita anche la fuga, sicché ogni giorno era costretta da costoro a subire violenze tali “da determinare un disturbo post-traumatico da stress”, quello causato da guerre, rapine, essere ostaggi di terroristi, gravi incidenti, stupri: ecco il Ministero dell’Amore. Tutte le mattine questa lavoratrice secondo le favole accettate anche da troppi psicologi andava “a lavorare”, in realtà il ministero le “faceva” violenza di gruppo (mobbing), per 2 anni.

          Il Tribunale, acquisiti tutti gli atti ed ascoltati i numerosi testimoni, ha dimostrato che “Il Ministero… ha sottoposto la lavoratrice a comportamenti vessatori, che hanno determinato uno stato depressivo e dunque una riduzione delle difese immunitarie con conseguente accelerazione della malattia oncologica” (4) : infatti questa persona per quel cancro è morta.  Complimenti !

Ministero interno prefettura Roma - Italy violence mobbing harassing bullying

     Per questo il “ministero” (cioè tu che leggi) dovrà pagare € 91.000,00 ; ma poiché alla vergogna non c’è limite, il ministero non ha accettato nemmeno questo: ha fatto ricorso contro chi ha danneggiato e fatto ammalare, la Cancellieri (5) ha fatto ricorso contro una persona morta. Quando una persona causa un danno ad esempio con la sua auto, se è civile non rende necessario un processo: firma un semplice CID (Modulo di constatazione amichevole di incidente) e finisce lì: il responsabile si riprende un poco di immagine, e non si bruciano milioni.  Il “ministero dell’interno” invece non si comporta come un cittadino civile e amichevole: dice di dare l’esempio e infatti lo da: l’esempio opposto, si comporta peggio dei cittadini.   

      Questo “ministero dell’interno” senza competenza  perderà, anche in 3° grado, perché il processo è stato “lineare”, le prove sono inoppugnabili, i testimoni tutti concordi e chiari . Giorni fa un poliziotto è stato condannato a pagare € 20.000,00 perché con delle truffe avrebbe “danneggiato l’immagine del corpo di appartenenza” : ma dopo questa sentenza del Tribunale del lavoro e il ricorso del ministero (che perderà) che ne è dell’immagine del ministero dell’Interno e di chiunque ci lavora ? Come siamo costretti a guardare “prefetti”, “ministri”, e “poliziotti” con la loro uniforme ? E questa donna, questa p-e-r-s-o-n-a che lavorava per lo Stato cioè per noi tutti, dallo Stato di questi inetti citati è stata aggredita, vessata, umiliata, uccisa psicologicamente, finché nel 2011 è morta di cancro: complimenti. 

           Ora viene aggredita anche nella memoria, anche da morta con un ricorso contro di Lei ad opera della nota statista Cancellieri: per premiarla della sua mediocrità (10) e per aver continuato a coprire l’incompetenza di Maroni e di Amato, la Cancellieri è stata confermata una seconda volta ministro, ora Ott 2013 è ministro della giustizia, della Repvbblica .              Amato invece, il responsabile di tale vicenda, ha rischiato di diventare presidente della repubblica delle banane: che dire ?  In quale azienda chi fa un danno di € 100mila viene promosso direttore ?

           Qui alla RAI (che ci ruba le tasse) la “giornalista” Concita De Gregorio (conformista in modo imbarazzante)  presenta addirittura come “professore” (senza il minimo segno di imbarazzo) l’Amato responsabile (socialmente!) della prima condanna della storia al “ministero dell’interno”.  Prima di chiamarlo non ha nemmeno consultato Wikipedia .

Amato invitato a tener lezione da Pane Quotidiano 2015 03 09

       Questo avviene anche perché molti “psicologi”, “sociologi”, “intellettuali”, “politici”, e le varie comunità acconsentono (cfr. Pragmatica della comunicazione umana): gli psicologi-standard lo fanno concentrandosi ossessivamente (e inutilmente, come si dimostra) sempre e solo sul singolo, lo fanno tacendo, o col comportamento passivo o con azioni circa mobbing quasi esclusivamente accademiche e del tutto inadeguate: bellissimi convegni, forbite teorie, mentre milioni di lavoratori italiani sono sottoposti a violenze, terrorizzati come accade ai soldati in guerra, minacciati, vessati per anni. Se un genitore acconsentisse a che un figlio di 8 anni picchiasse e vessasse quello di 3 verrebbe bollato come “carente di capacità genitoriali” e forse i figli gli verrebbero tolti con la forza e un calcio nel sedere: ma troppi “psicologi” fanno altrettanto, con l’aggravante di conoscere le conseguenze per le vittime.   Gli “psicologi” invece di difendere questa persona gli hanno fatto dei “certificati”, che sono tanto validi quanto inutili,  è come certificare che una persona ha delle ustioni invece di aggredire chi gli sta usando il lanciafiamme.   Per fare ciò hanno studiato decine di anni.

LA RELAZIONE STRESS-CANCRO

                 In miliardi di persone sappiamo perché lo constatiamo che quanto siamo sottoposti “a stress” facilmente ci riemerge l’Herpes labile (simplex), la “febbre” labiale, quelle bolle dolenti ma innocue: in ogni persona costretta a stress, per ragioni psicofisiologiche (iperattivazione cronica dell’asse Ipotalamo-Ipofisi-Surrene) si riducono le difese immunitarie, e chi ha il virus Herpes simplex che gli dormiva dentro spesso si trova che in quel momento gli si sveglia. Da qui a dimostrare legalmente che un preciso stress ha provocato quelle bolle, ce ne vuole; ma dall’aggredire a grida una lavoratrice, davanti ai colleghi, e inseguendola fin dentro al bagno per anni, al verificarsi immediato di gravi danni professionali, umani e psicologici, il percorso causale è immediato, logico, e lineare. Aggredire, urlare, vessare, molestare, sono comportamenti la cui nocività è palese e immediata, nota a chiunque.  Non serve alcuna scienza, nessuno psicologo, nessun processo, nessuna legge, niente: è autoevidente, lapalissiano.

        Quasi sempre i tribunali hanno escluso il nesso causale tra violenze psicologiche e tumori: i Consulenti Tecnici d’Ufficio, i medici, non avevano elementi per supportare quella tesi.   Ma non ci sono nemmeno elementi per escluderlo.  In ogni caso la dimostrazione del nesso causale stress-cancro è giunta dal mondo della scienza ufficiale, e dal 2008, cioè proprio mentre il “ministero” e quegli inetti sottoponevano una persona a violento distress.  I ricercatori medici Yoichi Chida, Mark Hamer, Jane Wardle e Andrew Steptoe (Psychobiology Group, Department of Epidemiology and Public Health, University College London) analizzando decenni di ricerche hanno concluso “i fattori psicosociali stress-correlati hanno un effetto avverso sull’incidenza del cancro e sulla sopravvivenza”.   Cioè l’ambiente stressante causa il cancro e peggiora la sopravvivenza.   Questa informazione è stata pubblicata su Nature Clinical Practice Oncology, disponibile a chiunque su “La banca dati medico-psicologica” PubMed.  Niente male.  Il “ministero dell’interno” violenta, vessa, umilia, isola, danneggia, fa ammalare gravemente, rende invalidi, causa il cancro e ne peggiora la sopravvivenza, uccidendo.  

       Il professor Cipolla definisce la “stupidità”.  Per lui il “bandito” danneggia gli altri ma lui qualcosa ci guadagna, invece lo “stupido” danneggia gli altri danneggiandosi a sua volta: lo “stupido” è quello che ci molesta, che ci disturba facendosi del male; ovviamente è imprevedibile, ma è una pandemia.  Complimenti al ministero dell’Omertà, ad Amato, Maroni, Serra, e Mosca.


(1) Il Codice civile all’articolo 2087 “impone al datore di lavoro di adottare ogni misura necessaria a salvaguardare l’integrità fisica e la personalità morale del lavoratore”. Il Tribunale ha riscontrato violazione sia a questo articolo che alla Costituzione, Art. 32 (diritto alla salute). Niente male, per il “ministero dell’interno” e quell’accozzaglia di “dirigenti”.

(2) 25 agenti di polizia sono stati condannati definitivamente in Cassazione per il reato penale di “falso” (circa le manifestazioni di Genova 2001 al G8); questi falsari ciarlatani il ministero se li è tenuti stretti in servizio e pagandoli per 11 anni, e alla sentenza il “ministro” Cancellieri ha detto un emblematico e corporativo-mafioso familistico “Rispettiamo le sentenze”.

(3) Già dal 2004 era pubblicamente noto che al c.d. “ministero dell’interno” avviene “mobbing fino a forme di sadica crudeltà” (lo affermò l’Avv. Nino Marazzita, come indicato nello studio segnalato in questo sito “Mobbing in uniforme” del 23/1/2012).

(4) dal sito CGIL – FP http://www.fpromalazio.it/Archivio/News/3999/121128_lp.pdf

(5) Era stato detto che era una donna….

(9) In rosso il testo della sentenza

(10) cfr. Zinoviev, Cime abissali, vol I e vol II

(11) Orwell aveva visto giusto, descrivendo un paese romanzato ma reale dove il Ministero della Violenza e della Guerra era chiamato Ministero dell’Amore (romanzo 1984).

(12) Sono quelli che, per i propri interessi (denaro, status, prestigio, comodità) scelgono di vedere solo i singoli, cancellando il contesto.

N.B. Per questa vicenda sarà qui pubblicato uno STUDIO più approfondito e documentato.


(13/9/13)      Al peggio, specie in questa Italia, non c’è limite.  Il responsabile sociale dei danni a tale lavoratrice, il “ministro” Amato incapace di gestire un semplice ufficio con 6 persone, da Napolitano è stato nominato “Giudice Costituzionale (e lo chiamano “professore”)  :

Il Presidente Napolitano ha nominato Giudice Costituzionale il prof. Giuliano Amato

C o m u n i c a t o

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, con decreto in data odierna, ha nominato ai sensi dell’art. 135 della Costituzione, Giudice della Corte Costituzionale il Professore Giuliano Amato, in sostituzione del Professor Franco Gallo, il quale cessa dalle sue funzioni di Giudice e di Presidente della Corte Costituzionale il prossimo 16 settembre.
Il decreto è stato controfirmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri Onorevole Dottor Enrico Letta.
Della nomina del nuovo Giudice Costituzionale il Capo dello Stato ha dato comunicazione al Presidente del Senato della Repubblica, al Presidente della Camera dei Deputati e al Presidente della Corte Costituzionale.

Roma, 12 settembre 2013 


– attenzione :  Il “ministero dell’interno” quindi la Repvbblica Italiana CONDANNATA una seconda volta per mobbing    (31/3/2013)

– Circa l’affidabilità e l’onestà della “prefettura di Roma”, ecco qui che si scopre che era comprata dai mafiosi di Mafia Capitale.  W le Istituzioni !

– Qui è sempre un organo della Repvbblica italiana ad esser condannata per mobbing, la Provincia di Alessandria

5 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Trackback: strani appostamenti contro Aria Pulita | Massimo D'Angeli
  2. Trackback: strani appostamenti contro Aria Pulita | Aria Pulita associazione non-fumatori onlus
  3. Trackback: “Oste, com’è il vino ?” : la farsa di ferragosto del ministero dell’interno | Massimo D'Angeli
  4. Trackback: I legittimatori della violenza | Massimo D'Angeli
  5. Trackback: Violenza contro una donna: condannato anche in appello il “ministero dell’interno” | Massimo D'Angeli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: