I voli spaziali usati come arma di propaganda: come negli anni ‘60

       La conquista della Luna da parte degli usa avvenne unicamente per ragioni di propaganda, per dare un’immagine prestigiosa agli USA contro l’URSS durante la guerra fredda. Le missioni furono costosissime e rischiosissime.   L’URSS sfruttò a tutta manetta l’immagine di Gagarin come primo uomo nello spazio, mandandolo in giro per tutto il mondo, addirittura vietandogli di volare per paura che si facesse danni.  Lo scopo era solo la propaganda: da vari studi si è sempre ribadito che i voli spaziali sono costosissimi e molto molto rischiosi, pieni di inconvenienti e guasti, insomma non più fattibili oggi … che non c’è la guerra propagandistica USA-URSS.

     Ma la propaganda non è quella che fanno solo negli “altri” paesi … : oggi nel 2014 il governo italiano sfrutta le missioni spaziali e gli astronauti italiani allo stesso scopo di propaganda, propaganda simile a quella della Corea del nord.  L’astronauta ritratta sotto è stata utilizzata e sfruttata in modo martellante dal governo e dai media sempre pronti a servire.  Ma gli italiani sono ignorantissimi in astronomia: il 40% pensa che il Sole sia un pianeta (indagine Observa 2013) quindi quella immagine serve a nascondere non solo il disastro italiano, ma anche la specifica sesquipedale ignoranza italiana

Propaganda-anche-in-Italia_thumb3

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: