Inondati da tonnellate di finte notizie: censurare informando

Perché l’Italia è solo 57sima come libertà di informazione ? Perché la cosa che più sanno fare i giornalisti è reggere i microfoni ?media italiani PEGGIO nord-coreano - ritaglio

media italiani PEGGIO d esercito-nord-coreano 57 disinformazione censura media giornalisti

clicca l’immagine sopra e ingrandisci …

Pensa

Pensa è gratis

(da Report su Fb)

Vietato dire “Dio non c’è”

Ateobus UAAR 2012 - autorizzato solo per Zeus

Nel 2010 l’ItaGlia arretrata e incivile vietò di scrivere “Dio non c’e”   (forti pressioni politiche all’agenzia IGPDecaux).   Certo, in Iran è molto peggio: ma in Europa è moooolto meglio.

Intimidire i giornalisti usando il Codice civile (Gabanelli di Report)

 

       Che siamo nella Repvbblica delle banane, a libertà limitata, lo sappiamo (ce lo ricorda FreedomHouse). Ora vediamo uno dei modi di fare censura (ribadendo che quella introiettata, l’autocensura e il conformismo, sono molto più efficaci e praticati) è minacciare costosissime cause civili. Pistola puntata - minaccia Report Gabanelli    Ce lo racconta uno dei pochissimi giornalisti italiani: Milena Gabanelli di Report, a Radio Radicale in questo audio di 9’ da sentire :

07/07/2011 (di Diego Galli; la registrazione è di quasi un anno fa)

Milena Gabanelli :
" abbiamo accumulato una quantità di cause civili … insostenibili; la maggior parte di queste sono intimidatorie, lo posso dire perchè viene scritto nelle citazioni, si fa riferimento ad affermazioni diffamatorie che non sono mai state dette nella trasmissione.   Quindi posso dire con una ragionevole certezza che queste cause non hanno fondamento;"
"FFSS ci ha tenuto a bagnomaria 5 anni, chiese 30 milioni di euro danni, perse, fu condannata a pagare le spese.  Bom, basta. Però in quei 5 anni devi stare attento! a non tornare sull’argomento, perchè il tuo ufficio legale ti dice "C’è un contenzioso in ballo, per cui tu adesso questo argomento non lo affronti più". quindi le cause vengono fatte anche per questo, "adesso io ti metto questo mattone in testa, e per qualche anno finché non si chiude questa causa non ne parli più."