La Dopologia e la Retorica del lutto

    L’Italia è un paese cialtrone, ignorante, buffone, burattino, stupido; con tante eccezioni (solo nei singoli) ma sempre insufficienti rispetto al contesto sociale totalmente degradato.             

       Una cosa che odio è la Dopologia : gli italiani sono cicale, sempre “allegri”, ottimisti, tranquilli … poi “all’improvviso” accadono cose strane, “imprevedibili”: le “fatalità” (cani che mordono, una cosa mai accaduta nella storia dell’umanità): incidenti mentre si guida con 3 cellulari, terremoti sotto case costruite in modo illegale e pericoloso, incidenti sul lavoro, insomma incidenti o omicidi e subito si materializzano i Dopologi, burattini delle istituzioni che tutto il giorno omettono di fare il loro dovere, di fare quello per cui sono pagati, e che dopo l’incidente lanciano accuse e strali, fingono stupore (che un cane uccida è imprevedibile), selezionano i casi solo se mediatici.

           E’ la Retorica del lutto: col morto davanti tutti questi inetti poiché percepiscono che in tutta la loro vita non hanno fatto un cazzo di quanto dovevano, poiché capiscono che è colpa loro, si esibiscono in posticcia tristezza, approfittano, letteralmente usano un morto per guadagnare in immagine, e dopo che per anni hanno ignorato le sue legittime richieste, i suoi centinaia di allarmi.  Poiché questo fare è generalizzato, e poiché con gli ignoranti funziona benissimo, in Italia ci saranno sempre morti annunciatissime, anche per iscritto, ma che diventeranno “fatalità” o “disgrazie” o “per esaurimento nervoso” o “per disoccupazione”.  

Altro

L’uso del potere: il più bel film italiano

Il più bel FILM in Italia

Moralità del politico è usare potere x il bene comune - Sandro Pertini

USA, Germania, Finlandia e … ItaGlia

    L’ottusità dell’esibire una Lamborghini è una cosa non proprio immediata da capire.4 tipi auto polizia - commenti

Il complotto degli scienziati contro la ggente

(da Glossario neologistico – per marmaglie scientiste, di Giovanni Perini)

Catottròbata: n.inv. [gr. KÁTOPTRON = specchio e BÁINO = io vado] Colui ch’è uso all’arrampicarsi sugli specchi – Catottrobazìa: s.f. l’atto dell’arrampicarsi su uno specchio Catottrobàtico: la proprietà di tutto ciò che è catottrobazia – Per difendere il suo favorito pescefragola, non esitò a lanciarsi in ardite catrottobazìe; più che ragionamento, mi parve futile esercizio catottrobatico.

Diottròbata: v. Catottròbata

Fantomìsta: n. inv. [FANTOMATICO = inafferrabile, mai visto da alcuno, da fr. FANTOME = fantasma] colui che è convinto, sostiene o diffonde teoremi, convinzioni o presunti fatti che non trovano riscontri concreti. – Sin.: fuffaro; fuffavendolo o fuffivendolo; mona (Veneto); balengo (Piemonte) – Fantomìa (s.f.) o Fantomìsmo (s.m.): teorema, convinzione o presunto fatto, che non trova riscontro concreto – Le scie chimiche sono l’ennesima fantomìa divenuta di moda; più che homo di Scienza, ei mi parve volgar fantomìsta.

Fobodulìa: s.f. [gr. PHOBOS = paura e DOULEÌA = servitù, culto] pratica tesa a fare proselitismo (in genere a favore di un pescefragola) evocando sentimenti di avversione e odio – Fobodulìsta s.inv. colui che pratica la fobodulìa – la propaganda anti-OGM fa largo uso della fobodulìa; più che sana diffidenza, parrebbe volgar fobodulìa; i seguaci di Langone sono affetti da fobodulìa proctologica (Kees Popinga, 2013).

Fragolapésce: v. Pescefràgola

Miocugginìsmo: n. Pratica pseudoscientifica che consiste nel collezionare pazientemente episodi isolati, aneddoti, racconti, singoli casi decontestualizzati, e spacciare poi il tutto per evidenza scientifica. – Sin. aneddotica – Miocuggìno: (s.m.) Creatura mitologica, protagonista di innumerevoli e mirabolanti avventure – Era un’accozzaglia di dati insensati, miocugginìsmo alla massima potenza; Mi ha detto miocuggìno che da bambino una volta è morto (Elio e le Storie Tese, 1996).

Pescefràgola s.m. o Fragolapésce s.f: affermazione, teoria o presunto fatto completamente inventato, frutto della fantasia. – Sin. fantomìa o fantomìsmo – Miocuggìno una volta ha mangiato una fragolapésce e dopo tre giorni è morto; il Mostro di Loch Ness? Sarà il solito pescefràgola.

Pistologia: [gr. PISTOS (πιστός)= ufficiale, degno di fede, proveniente dall’autorità e LOGOS (λόγος)= parola, scienza] dottrina parareligiosa basata sulla convinzione che esista un’entità superiore chiamata Scienza Ufficiale i cui sacerdoti, chiamati Personaggi Autorevoli, elargiscono i loro dogmi (Dichiarazioni Autorevoli) universalmente accettati come Verità Trascendente. – Pistologico: relativo alla pistologia – Pistòlogo: seguace della dottrina pistologica. – Smettila di frignare come un pistologo!; Invece della solita pistologia, prova a fare un ragionamento serio; mi pare invero un’obiezione da pistologo.



Risaputismo
s.m.: tecnica di convincimento basata sull’errore logico di considerare la supposta notorietà di un presunto fatto come valida dimostrazione del fatto stesso. – Anche se tutti sanno di Nessie, non significa che esiste: è solo risaputismo.

Vanoliano: [fr. J. P. Vanolì, scrittore di fantascienza italo-francese, 1941- ] persona disposta a credere a qualunque fantomìa – Sin. mazzuccone, fantomista – Non dargli retta, è soltanto un altro vanoliano; Ma te le bevi proprio tutte!? Sei proprio un vanoliano!

Finalmente la verità su Stefano Cucchi: si uccise lui per sciopero della fame

morto per malnutrizione” è la causa della morte di Stefano Cucchi, la persona che anni fa la Polizia prese in carico, e glie lo restituì “un po’ più rigido”.  Lo sentenzia un tribunale, non sappiamo se a qualcuno sia scappato da ridere, della Repvbblica Italiana il 14/12/2012.

repubblica_italiana delle Banane La Polizia lo prese, dopo  averlo tenuto a sé picchiandolo (lo fanno anche con Presidenti e Ministri ), e con la collusione passiva di medici e infermieri dell’Ospedale “Pertini” lo uccise … almeno così ci sembrava.
Il nome “Sandro Pertini” sembrava macchiato da questi cialtroni di sanitari, ma oggi emerge finalmente la verità: Cucchi morì per “grave carenza di cibo e liquidi” (= morto di fame); ma una fonte che per ora non possiamo rivelare ci assicura, mentre parla al telefono con la Befana, che in realtà Stefano Cucchi stava facendo uno sciopero della fame ! solo che il motivo lo sapeva solo lui. Stefano Cucchi

        Stefano poi fece di tutto per farsi arrestare e si mise a colpire col suo osso sacro e con la sua testa degli spigoli di mobili, dei manganelli, addirittura dei piedi di agenti (uno di questi “agenti” se non avesse avuto gli anfibi si sarebbe fatto male). Ora i familiari dovranno risarcire la Polizia per gli arredi e gli oggetti che Stefano danneggiò, e lo Stato per le spese che dovette sostenere per un’azione, lo sciopero della fame, che ovviamente resta una iniziativa privata e non a spese della Repvbblica Italiana;i familiari e soprattutto la sorella Ilaria [FILMATO] la finiranno di sparare tutte quelle cazzate: per un suicida ci hanno rotto le palle tutti questi anni !Stefano Cucchi morto di fame e Gesu morto di freddo

Pizza, mandolino, e corruzione

Denmark, Finland, New Zealand, Sweden, Singapore, Switzerland, Australia, Norway, Canada, Netherlands, Iceland, Luxembourg, Germany, Hong Kong, Barbados, Belgium, Japan, United Kingdom, United States, Chile, Uruguay, Bahamas, France, Saint Lucia, Austria, Ireland, Qatar, United Arab Emirates, Cyprus, Botswana, Spain, Estonia, Bhutan, Portugal, Puerto Rico, Saint Vincent and the Grenadines, Slovenia, Taiwan, Cape Verde, Israel, Dominica, Poland, Malta, Mauritius, Korea (South), Brunei, Hungary, Costa Rica, Lithuania, Rwanda, Georgia, Seychelles, Bahrain, Czech Republic, Latvia, Malaysia, Turkey, Cuba, Jordan, Namibia, Oman, Croatia, Slovakia, Ghana, Lesotho, Kuwait, Romania, Saudi Arabia, Brazil, Macedonia, South Africa, Bosnia and Herzegovina,       Paese scarpa - pizza mandolino madonne corni banane Skiantos

Tutte quelle nazioni sono meno corrotte dell’ItaGlia, lo certifica Transparency International 2012.   Inoltre (è noto) è stato ribadito il legame “causale” tra cattolicesimo (culto dell’irresponsabilità; diversamente dal protestantesimo) e corruzione .

Forza ItaGlia, prima nelle diseguaglianze

Roger Abravanel (da Corriere della Sera) parla dell’ItaGlia prima, tra i paesi occidentali, per DISeguaglianze.

Roger Abravanel - Regole - Corriere TV

Galileo si incazza: per 4 italiani su 10 il Sole è un pianeta

Galileo Galilei - per 4 italiani su 10 il Sole è un pianeta - rapporto Observa 2008 r75

L’Italia arretra di 3 posti in un anno

      Nella classifica mondiale su 110 nazioni, elaborata da The Legatum Prosperity Index, in un solo anno l’Italia ha perso ben 3 posizioni, passando dalla 30 su 110 del 2011,  alla 33 su 144 del 2012. (nel 2011 di molti paesi non si avevano dati sufficienti, nel 2012 l’agenzia ha aggiunto 34 nazioni); .   Nel 2011 come da figura qui sotto si era al 30/110 posto :

Legatum Prosperity index 2011 Ita

   e già si notava il basso “capitale sociale” (sicurezza, fiducia, e affidabilità nelle relazioni con persone, istituzioni, aziende e soggetti vari).  Dal nostro piccolo osservatorio non sappiamo a cosa riferirlo, né possiamo farlo in 2 righe.  Certo l’Italia non è quella percepita dai politici o raccontata dai media: industria inesistente, ricerca azzerata da decenni, sviluppo zero, sicurezza sociale buona solo a livello di famiglia (familismo amorale) e di “clan”; tanta pizza e tanto mandolino, calcio o “politica” (purché sia un gruppo), culi e gossip in TV, conoscenza scientifica sottozero.

        Certo, si vive molto meglio che nella maggior parte del resto del mondo, la durata media della vita è  molto alta (soprattutto per le donne, le quali però si lamentano sempre…), ma si sta peggiorando, e si vive peggio che in molte nazioni geograficamente prossime o confinanti.   Regge solo la sanità che, con tutte le eccezioni che si vuole, resta globalmente buona.  Qui i risultati del The Legatum Prosperity Index 2012  (nel sito si possono facilmente fare chiari confronti tra nazioni).

2012 - schermata generale Ita

L’Italia è il miglior paese del mondo, i bambini li portano le cicogne, e l’unicorno rosa si sta estinguendo

Ci fanno vedere i rappresentanti delle istituzioni in giacca, camicia e cravatta; ci fanno credere che si decida razionalmente, che la “dieta mediterranea” sia la migliore (può essere) e che il resto del mondo non capisce la cucina italiana, non capisce il “nostro” estro italico, la nostra inventiva (de che?), la nostra “simpatia”, la nostra cultura.  “Siamo italiani !”.

          Questa sotto invece è una rappresentazione molto più realistica, al di fuori del mito nazionalistico, oltre la cortina fumogena del “150° anniversario della Repubblica”, sovversiva rispetto alle rappresentazioni date da media e politici.  La fornisce The Legatum Prosperity Index. Come si vede in Finlandia si vive moooooolto meglio; a parte la sanità (che tranne per gli aspetti “alberghieri” e organizzativi, in Italia è buona) nei paesi del nordeuropa e in Finlandia c’è un’economia un poco migliore, più opportunità di impresa, migliore educazione, molta più sicurezza, miglior “Governance” (dovrebbe essere lo stile della pubblica amministrazione), più libertà individuali, e soprattutto un quasi doppio capitale sociale [ricchezza delle interazioni, sicurezza di poter contare sugli altri, sulla pubblica amministrazione, sulla società come insieme] .  Qui ci si racconta che gli italiani sono bravi, socievoli, altruisti: forse, ma lo sono la metà che in Finlandia.

Italia-Finlandia - Legatum Prosperity Index

Tra gli ultimi nell’uso di Internet

Una misura sperimentale precisa dell’arretratezza socio-culturale italiana è il (non)uso di Internet.

Gli itaGliani, sempre amanti della TV, del calcio e degli spaghetti, restii a comprendere cose non immediatamente percepibili, nell’uso di Internet superano solo Portogallo, Bulgaria, Grecia e Romania: solo il 48% usa la rete, contro l’88% degli svedesi.

Tutti i paesi del nord europa superano l’80%, poi c’è un gruppo (capeggiato dalla Francia) nell’arco tra 75% e 70%, e poi si sprofonda sempre nel peggio.  Qui vanno i polpettoni sugli omicidi, i “Grande fratello”, la “fiction”.    Qui i dati